Vinitaly 2019: spazio al Verdicchio Castelli di Jesi

Anche quest’anno il Verdicchio si conferma il simbolo della regione Marche anche al Vinitaly 2019.

Grandi conferme per Verdicchio Castelli di Jesi

Da anni le Marche si fanno portatrici di valori come qualità e sostenibilità ambientale, soprattutto dal punto di vista della produzione vinicola. Un caso emblematico, che narra una storia e valorizza il territorio.

Il lavoro di squadra, la capacità di sapere investire e la motivazione dei viticoltori sono alla base del successo di Verdicchio castelli di Jesi, e la regione Marche lo sa bene. I dati di successo sono tutti confermati dal presidente del consorzio Imt Antonio Centocanti.

“Il vino è uno dei motori del Made in Italy in grado di fare la differenza, ma attenzione alla competizione” sostiene Centocanti.

 

Il Verdicchio, fresco di festeggiamenti (nel 2018 ha celebrato i suoi 50 anni della Doc), ha regalato una svolta qualitativa considerevole negli ultimi anni, aumentando le esportazione e il prestigio della regione.

Nelle Marche ci sono 15 Doc, 5 Docg e 1 Igt, per un fatturato di 150 milioni di euro che proviene da 14200 aziende e 17.000 ettari complessivi.

Piersanti al Vinitaly 2019

Quest’anno al Vinitaly 2019 erano presenti circa 100 aziende del territorio marchigiano, tra cui Piersanti Vini, con la sua vetrina di prodotti d’eccellenza e il protagonista indiscusso: Verdicchio Castelli di Jesi.

  • Assaggi liberi
  • Tour di degustazioni si sono rivelati cruciali per diffondere la nomea e la tradizione del prodotto autoctono,
  • Presentazione dell’indagine sui trend di mercato negli ultimi anni
  • Attività di promozione realizzate per dare nuovi impulsi alle vendite e alle esportazioni.

Elementi che sono stati indispensabili per parlare della tradizione enologica marchigiana al Vinitaly 2018.

Per conoscere meglio Piersanti vi invitiamo a visitate il nostro sito: all’interno troverete la nostra scelta di Vini Bianchi, Rossi e Spumanti. Ma non solo.

Potrete accedere alla sezione News, consultare le promozioni in corso e contattarci per un tuor di degustazione in azienda

Scrivete a [email protected]

FONTE: Quotidiano Nazionale, 4 aprile 2019

 

 

 

La produzione Verdicchio è patrimonio delle Marche

La produzione del Verdicchio anche nel 2018 ha raggiunto grandi traguardi.

Il più noto vino bianco marchigiano che lo scorso anno ha festeggiato i 50 anni della sua Doc, resta ancora il vino più premiato dalle guide, come attestato dall’Instituto Marchigiano di Tutela dei vini.

produzione-verdicchio

I successi marchigiani

In generale i vini bianchi delle Marche hanno saputo conquistare il palato dei consumatori (italiani e stranieri) grazie alla particolarità dei vitigni, agli aromi decisi e inconfondibili  e al territorio marchigiano che consente una produzione di alta qualità.
Lungo le colline, infatti, il sole e il clima della costa adriatica consentono di esprimere alte gradazioni zuccherine e delicati profumi.

Fattori che si sono rivelati indispensabili per il raggiungimento del successo fino ad oggi.

Ed è così che nel 2018 sono stati conferiti dei premi a Verdicchio dei Castelli di Jesi, Verdicchio di Matelica, Castelli di Jesi Verdicchio Riserva e Verdicchio di Matelica Riserva.

Tra i principali riconoscimenti rientrano:

  1. Guida Vini d’Italia del Gambero Rosso 2018
  2. Bibenda 2018
  3. Guida Vinibuoni d’Italia 2018
  4. Slow Wine 2018
  5. Guida I Vini di Veronelli 2018
  6. I Vini d’Italia – Le Guide de l’Espresso 2018
  7. Guida essenziale dei vini d’Italia 2018
  8. Guida Vitae Ais 2018

2019: l’anno della svolta per il Verdicchio

Negli ultimi anni la produzione del Verdicchio è cresciuta e il prodotto ne ha guadagnato in qualità, reputazione, immagine e volumi. Non ha ancora lo spazio che merita sugli scaffali, ma il 2019 potrebbe essere l’anno della svolta.

Numerosi saranno gli eventi e le fiere a cui l’azienda Piersanti Vini, punto di riferimento sia nel territorio che nel mercato, prenderà parte per promuovere questa eccellenza, non solo a livello nazionale.

Dunque un grande traguardo raggiunto che pone le basi ideali per un’altra annata di successo targata 2019.

Per restare aggiornati…

Per scoprire gli Eventi e le Fiere e conoscere tutte le Novità più interessanti, vi invitiamo a visitare il nostro sito dalla nuova veste grafica che rende la navigazione più facile e interattiva.

E per tour di degustazioni saremo felici di accogliervi presso la nostra azienda.

Scirveteci tramite l’apposito modulo disponibile online.


FONTI:
https://www.mymarca.it/it/taxonomy/term/20/store/enoteca/vini-bianchi-delle-marche
https://imtdoc.it/guide-vini-2018-verdicchio/

Verdicchio Castelli di Jesi orgoglio italiano nel mondo

​Un percorso nel cuore delle Marche alla scoperta del vino Verdicchio Castelli di Jesi, un antichissimo prodotto legato al territorio e alla tradizione di questa regione.

Storia del Verdicchio Castelli di Jesi

La zona dei Castelli di Jesi è caratterizzata da una suggestiva successione di borghi fortificati disposti a ferro di cavallo. Il vino prodotto in quest’area ha segnato un’importante svolta per la storia del Verdicchio castelli di Jesi.
La storia del Verdicchio affonda le radici in tempi molto antichi, 410 d.C. quando verso il culmine della crisi dell’Impero Romano, la nostra penisola era attraversata da orde di barbari. Sembra che Alarico, re dei Visigoti, diretto verso Roma con l’obiettivo di saccheggiarla, sia prima passato dalle parti dei castelli di Jesi per far scorta di barili dell’antenato dell’odierno Verdicchio perché nulla, a sua detta, donava ai suoi uomini altrettanta “sanitade et bellico vigor”.

Il Verdicchio Castelli di Jesi continua a sorprendere

Il Verdicchio non smette ai giorni nostri di appassionare e sorprendere. Le particolari condizioni di queste aree viticole sono irriproducibili altrove: i terreni sono generalmente limoso argillosi e calcarei, poveri di sostanza organica ma sufficientemente provvisti di potassio, ideali per consentire all’uva di sviluppare aromi di particolare finezza. Mentre la buona esposizione e le fresche brezze marine, che garantiscono forti escursioni termiche tra la notte e il dì, consentono agli acini di sviluppare la giusta acidità.
Le caratteristiche organolettiche di questo antico vino sono fortemente legate al territorio: le uve Verdicchio sono sempre caratterizzate da una sfumatura verdolina, alla quale si deve il nome del vitigno. All’esame visivo, spesso il vino presenta lo stesso particolare cromatismo.

Il Verdicchio dei Castelli di Jesi conquista gli stranieri

Negli ultimi anni, si è registrato un aumento considerevole dell’esportazione del Verdicchio dei Castelli di Jesi, che per quanto riguarda l’Europa, interessa i paesi del Nord, Belgio, Olanda, Germania, Svezia e Inghilterra.
Il Verdicchio dei Castelli di Jesi cattura anche l’interesse dei pesi extra europei, quali: Stati Uniti, Canada, Giappone e Svizzera.
Insomma, il Verdicchio dei Castelli di Jesi continua ad affermarsi il vino bianco fermo più premiato dalle guide italiane e ambasciatore delle Marche nel mondo.

Il Verdicchio dei Castelli di Jesi dell’azienda Piersanti Vini

L’Azienda vinicola Piersanti specializzata nella produzione vini marchigiani, immersa nel cuore delle Marche, vi offre la possibilità di gustare il Verdicchio dei Castelli di Jesi. Potrete apprezzare anche tutti gli altri nostri prodotti, i migliori tra i vini delle Marche, in un’atmosfera magica. Potete prenotare una degustazione presso la sede, scrivete una mail a [email protected] e verrete ricontattati entro 24/48 ore.