Galateo del vino

I Vini delle Marche a tavola

Il mondo del vino non è solo fatto di profumi e sapori ma esistono anche regole e stili da rispettare quando si serve, si regala o si condivide del buon vino.

Una bottiglia di vino in regalo

Quando si decide di regalare una bottiglia di vino bianco, come il Verdicchio dei Castelli di Jesi o un rosso, come il Rosso Conero, deve essere scelto attentamente. Dipende dall’occasione (pranzo, cena, compleanno, laurea, matrimonio, ect.) e dal gusto del festeggiato o dai padroni di casa.

Come servire il vino a tavola

I padroni di casa serviranno il vino ai propri ospiti, iniziando dalle signore.
Il vino si versa sempre dalla parte destra del commensale. E’ importante ruotare la bottiglia dopo avere versato il vino nel bicchiere, in modo da non far cadere nessuna goccia sulla tovaglia.

Come apparecchiare la tavola

Si apparecchia la tavola sempre con almeno due bicchieri, uno per l’acqua e uno per il vino. Non si bevono mai due tipi di vino diversi dallo stesso bicchiere e di conseguenza, si provvederà ad aggiungerne in relazione al menù e ai vini che verranno serviti agli ospiti.

Quali calici scegliere

Per i vini bianchi, sono indicati i calici più piccoli in quanto il vino non si deve riscaldare.
Per i vini rossi invece, è meglio un calice ampio, in quanto il vino necessita di maggiore ossigeno e in questo caso non abbiamo il problema che si riscaldi.
Per gli spumanti, ci sono le flute, i bicchieri dal gambo sottile e slanciati che risaltano le fantastiche bollicine.

A quale temperatura servire i vini

I vini bianchi vanno serviti ad una temperatura di 6-8°, risaltando le note fresche.
Per i rossi leggeri dai 12° ai 14°. I rossi importanti invece a 18°.

Come aprire le bottiglie di vino?

Il procedimento per aprire una bottiglia di vino è uguale per tutti: si toglie la carta, si pulisce il collo della bottiglia e si estrae il tappo. Così come l’apertura, anche la stappatura è identica.
Però, per i vini bianchi, dopo averli aperti, è consigliabile tenerlo in un secchiello con il ghiaccio ad una temperatura bassa.
I vini rossi invecchiati vanno decantati.

Come degustare il vino e come tenere il calice

Bisogna tener il bicchiere nella parte dello stelo senza toccare mai il corpo del bicchiere, altrimenti il palmo della mano scalderebbe il contenuto.
Invece, la degustazionesi svolge in 3 fasi:

  • degustazione visiva: si guarda il colore, la tonalità e i riflessi del vino se è limpido o meno;
  • degustazione olfattiva: si annusa se il vino è pulito e piacevole e i sentori tipici del vitigno;
  • degustazione gustativa: si analizza se il vino è tannico, se ha una bella freschezza dovuta all’acidità;

Il brindisi

E’ vietato brindare facendo tintinnare i bicchieri o dicendo “cin cin” mentre si solleva il bicchiere.

Vini delle Marche dell’Azienda vinicola Piersanti

Se si desidera degustare i vini delle Marche presso la sede Piersanti ed immergersi nell’atmosfera calda e famigliare che contraddistingue questa azienda, scrivete una mail a [email protected] e verrete ricontatati entro 24/48 ore.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *